Matteo Colombo

See all fellows >

Italy | 2018

Matteo Colombo traduce narrativa americana da circa vent’anni. Fra i suoi autori ci sono Jennifer Egan, Don DeLillo, Dave Eggers, Michael Chabon, Donald Antrim, David Means e David Sedaris. Sua è la nuova traduzione del Giovane Holden di J.D. Salinger pubblicata da Einaudi nel 2014. Traduce inoltre giornalismo di approfondimento – per InternazionaleVanity Fair, D – La Repubblica delle donne — e testi teatrali (Rosso di John Logan per il Teatro Elfo Puccini di Milano, Lungs di Duncan Macmillan per il Teatro Due di Parma, e – proprio a Santa Maddalena – Marjorie Prime di Jordan Harrison, in produzione presso il Teatro Franco Parenti di Milano). Vive tra il Piemonte, Milano e Berlino, spostandosi spesso. Trova sia l’aspetto più interessante del suo mestiere, oltre che, in un certo senso, la sua essenza.